Yamaha R6 Dayona 200

Yamaha Motor Corporation, USA, fa il suo ritorno ufficiale sulle high banks dell’iconico Daytona International Speedway, alla Daytona 200 dal 10 al 12 marzo.

Il radicato “Spirit of Challenge” di Yamaha è nato dal primo successo in gara dell’azienda nel 1955 alla Mt. Fuji Ascent Race in Giappone, che si è verificato sorprendentemente poche settimane dopo che il suo primo prodotto, l’YA-1, è stato presentato al mondo.

1972: la prima vittoria Yamaha a Daytona

Nel 1972, un giovane californiano, Don Emde, figlio del vincitore della Daytona 200 nel 1948 Floyd Emde, portò la sua Yamaha TR3 a una straordinaria vittoria sulle high banks, segnando la prima vittoria della Daytona 200 per Yamaha e iniziando una striscia di 13 anni di vittorie per il marchio.

Oltre a quella vittoria d’esordio 50 anni fa, i piloti Yamaha conquistarono il podio. Il marchio ha continuato a registrare il maggior numero di vittorie di qualsiasi produttore allo storico evento, accumulando un totale di 27 vittorie negli ultimi cinque decenni.

«Il 12 marzo 1972, custodisce un vero ricordo di una vita per tutta la mia famiglia e per me stesso, poiché lavorando insieme abbiamo portato alla vittoria quel piccolo killer di giganti, la Yamaha TR3» ha detto Don Emde. «Ho portato la bandiera a scacchi a circa cinque o sei lunghezze davanti al secondo pilota e la sensazione di quella vittoria di 50 anni fa rimane fresca fino ad oggi! Devo ancora ringraziare mio padre, che mi ha instillato che il mio più grande obiettivo nelle corse era sempre possibile e quel giorno gli ha dato ragione».

Oggi, la voglia di rispolverare una tradizione

Yamaha così vuole portare avanti quella tradizione vincente tornando a correre al Daytona International Speedway nel 2022.

«Yamaha è molto orgogliosa di avere il maggior numero di vittorie di un produttore nella famosa Daytona 200» ha affermato Tom Halverson, Yamaha Racing Assistant Department Manager per YMUS. «Molte di queste vittorie sono state leggendarie e nessuna è stata semplice. Siamo molto entusiasti che Attack Performance abbia deciso di affrontare questa sfida in cui ogni membro del team è attivamente coinvolto. Non vediamo l’ora di tornare a gareggiare in “spiaggia”!».

Da MotoAmerica a Daytona per Attack Performance

MotoAmerica fa il suo debutto nell’iconica sede di Daytona Beach, in Florida, per la prima volta da quando ha assunto la guida dell’AMA National Road Racing Championship statunitense nel 2015. Quindi, anche se sarà la prima Daytona 200 per il team Yamaha Factory supportato da Attack Performance nel MotoAmerica Superbike Championship, il proprietario di Attack Performance e Team Manager Richard Stanboli ha avuto successo nelle sue precedenti sfide.

«Non potremmo essere più entusiasti del fatto che il nuovo team Attack Performance Yamaha Racing raggiunga questo obiettivo di vincere la rinnovata Daytona 200», ha affermato Stanboli. «La Daytona 200 è diversa da qualsiasi altra gara in cui la strategia di squadra, il coordinamento e soprattutto la passione per la vittoria fanno la differenza. Sono fiducioso che il nostro team e la nostra Yamaha R6 siano all’altezza del compito!»

Yamaha Daytona 1974

Il ritorno al Daytona International Speedway d Gagne

Jake Gagne non vede l’ora di tornare al Daytona International Speedway per un altro colpo alla vittoria della Daytona 200 dopo un’assenza di otto anni.

«Sono entusiasta di tornare alle high banks per la Daytona 200!» svela Gagne. «Yamaha ha sempre avuto grandi prestazioni a Daytona, quindi non vedo l’ora di tornare su una R6 e di correre. Sono sicuro che la pista sarà profonda ed è sempre interessante fare dei pit stop lì dentro».

Il debutto di Petersen

L’ultimo arrivato del team, Cameron Petersen, farà il suo debutto nella leggendaria sede delle corse e cercherà un risultato eccezionale.

«È la prima volta che corro con la Daytona 200», ha detto Petersen. «È una gara in cui volevo competere da quando ne ho sentito parlare per la prima volta da bambino e avere finalmente l’opportunità di schierarmi con i ragazzi è fantastico. Non vedo l’ora di arrivare sulle high banks per la prima volta e provare la sensazione. So che Yamaha ha una ricca storia di vittorie in questo evento e mi piacerebbe poter darne loro un’altra e so che è possibile con un team che mi sostiene come Attack Yamaha!».

Yamaha R6 Dayona 200
close
MotoBy- Il motociclismo a 360°

Iscriviti alla newsletter

Ogni venerdì riceverai le ultime notizie che abbiamo pubblicato sul mondo delle motociclette!

Leggi la Policy Privacy di MotoBy ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

, , ,
Articoli simili
Latest Posts from Motoby