Red Bull KTM Test Jerez

Meno di una settimana dopo i primi test per la MotoGP 2020 sul circuito Ricardo Tormo a Valencia, sia Red Bull KTM che Red Bull KTM Tech3 sono tornati di nuovo in pista a Jerez.

Per tutto il lunedì e martedì le nuvole incombenti hanno minacciato condizioni meteorologiche sfavorevoli e sebbene il primo giorno sia stato realizzato un buon lavoro e alcuni giri, il secondo è stato in gran parte eliminato a causa del clima umido.

Pol Espargaro
Pol Espargaro

Pol Espargaro è andato avanti con i lavori sulla configurazione 2020 della KTM RC16 e ha mantenuto una posizione stabile tra i primi dieci tempi più veloci. Lo spagnolo ha provato un nuovo pacchetto aerodinamico lunedì. Il compagno di squadra Brad Binder ha sfruttato sia la pista asciutta sia bagnata per continuare la sua esperienz sulla moto. Il compagno esordiente Iker Lecuona ha avuto un incidente lunedì, ma era anche desideroso di girare quando possibile per raccogliere informazioni. Il collaudatore Dani Pedrosa ha corso solo martedì.

I preparativi per il 2019 per la quarta stagione di KTM nella classe regina sono ora completi e la MotoGP entra in un “blackout” di prova fra dicembre e gennaio, fino a quando i motori non verranno riaccesi sul circuito internazionale di Sepang in Malesia all’inizio di febbraio.

Pol Espargaro: «Questa due giorni a Jerez era l’ultimo test del 2019 e non siamo stati molto fortunati con il tempo, il che significa che non potevamo lavorare quanto volevamo. Fortunatamente, in mattinata abbiamo fatto alcuni giri e ci siamo trovati a soli tre decimi dal primo con dieci giri sulla gomma. Nel complesso la pre-stagione è stata molto buona. Abbiamo fatto molto e testato molte novità e siamo stati veloci. Quest’inverno, dopo essere guarito un po’, cercherò di lavorare più duramente di quanto ho fatto l’anno scorso per cercare di tornare nella forma migliore. Non vedo l’ora di provare ancora la RC16 2020 in Malesia».

Brad Binder
Brad Binder

Brad Binder: «Abbiamo deciso di fare un paio di giri quando era bagnato solo per provare la nuova moto ed è stato davvero fantastico. Sono contento di aver avuto la possibilità di sperimentarlo. Questi ultimi due test sono stati difficili, non è stato facile adattarsi alla nuova moto e penso di avere molto da pensare ora in bassa stagione, sperando di poter fare meglio a Sepang. Penso di aver solo bisogno di migliorare la mia guida, specialmente sull’ingresso in curva. Penso che una volta raggiunto questo obiettivo, il resto andrà a posto».

Iker Lecuona: «Era la mia prima guida sul bagnato e, a dire il vero, era abbastanza strano. Ho bisogno di fare più giri ma alla fine sono andato abbastanza veloce. Sono contento, ma vorrei fare meglio in alcuni settori. Per il prossimo anno, so di dover lavorare sulla mia guida, ma finalmente sul bagnato è andato tutto abbastanza bene e in generale, sono molto felice».

Iker Lecuona
Iker Lecuona

Mike Leitner, Team Manager di Red Bull KTM: «Il nostro desiderio era effettuare due giorni interi di test, ma sappiamo che in questo periodo dell’anno il tempo può essere difficile. In realtà, siamo riusciti a confermare molte cose che abbiamo provato a Valencia. In generale siamo felici e possiamo lasciare i nostri piloti in pausa invernale – che è molto importante – e anche i riassunti tecnici che abbiamo fatto sono stati buoni. Pol ha lavorato ulteriormente in vista del 2020 e abbiamo visto, soprattutto sul bagnato, che Brad sta iniziando a provare la moto. È stato bello da vedere. Per Pol ha funzionato tutto bene e ha trovato punti positivi nelle novità della moto, ma non siamo ancora al punto in cui possiamo dire “tutto è stato risolto”. Dobbiamo andare a Sepang e lavorare sodo lì, ma le informazioni importanti sono arrivate e possiamo pianificare la Malesia e il Qatar. Andremo a casa e ricaricheremo un po’ le batterie continuando a lavorare il prossimo febbraio».

Sebastian Risse, Technical Director MotoGP: «A Valencia abbiamo introdotto il pacchetto novità del prossimo anno e ci siamo concentrati principalmente su questo con Pol e Dani, in termini di cambiamenti, punti di forza e in generale. Abbiamo anche sviluppato maggiormente il motore con specifiche diverse e abbiamo capito come può funzionare su piste diverse. C’erano anche alcune idee “aerodinamiche” che non erano pronte per Valencia, ma potevamo provarle a Jerez ottenendo dei buoni dati. Dovremo anche riflettere attentamente sulla logistica, perché l’anno prossimo avremo quattro piloti su moto di fabbrica, quindi sarà la vera sfida nel prossimo mese. Lasciamo Jerez abbastanza soddisfatti, anche se il tempo non è stato eccezionale e ci ha rallentato un po’».

, , , , ,
Articoli simili
Latest Posts from Motoby