Georges Jobe il salto

Dopo aver ottenuto il suo secondo titolo mondiale nella classe 250cc, il belga Georges Jobe ha scelto Kawasaki per il suo passaggio alla “Classe dei Re” 500cc nel 1984… ed è diventato un eroe di tutti i tempi con un salto leggendario!

Negli Anni 80 c’erano tre campionati mondiali di motocross, ma l’apice di tutte le ambizioni era quello di partecipare e vincere la serie 500cc. Il campionato del 1984 ha acquisito un significato ancora maggiore del solito, poiché tutti e tre i campioni dell’anno precedente – lo svedese Hakan Carlqvist, Jobe e il belga Eric Geboers – si sarebbero affrontati attraverso la serie di dodici gare, e Jobe, dopo cinque stagioni e due titoli in la classe 250cc, raggiunse un accordo per correre l’ammiraglia di Kawasaki, la KX500.

Georges Jobe il salto

La nuova partnership ha dato il via ad un sogno, mentre Georges ha dominato i primi due round in Austria e Svizzera per guidare la serie contro i suoi compagni che sono stati più volte campioni del passato e del futuro, André Malherbe e David Thorpe. La battaglia fu intensa per tutta l’estate e, quando tornarono dal Nord America con solamente tre turni rimasti (Gran Bretagna, Belgio e Italia), Malherbe, Geboers e Jobe erano in una lotta serrata, mentre Thorpe, distanziato dai suoi rivali dopo un doppio DNF in Canada, era in fermento per il suo GP in casa, ad Hawkstone Park. Thorpe alla fine ha vinto entrambe le gare, ma i presenti e milioni di appassionati in tutto il mondo ricorderanno sempre il grande salto di Jobe mentre lanciava il compagno belga Malherbe all’uscita dalla sabbiera durante la seconda manche per assicurarsi il podio, che all’inizio della gara sembrava così lontano. «Hawkstone Park nel 1984 è stata una gara davvero memorabile per me. Nel 1983, quando stavo ancora guidando i 250 GP, facemmo anche un giro a Hawkstone Park e già quell’anno stavo pensando di provare a fare quel salto enorme. Ma stavo conducendo il campionato, quindi non volevo correre alcun rischio e non ho saltato… ma volevo così tanto farlo un giorno! Ho finito per vincere il campionato 250cc quell’anno e quando mi sono trasferito nella classe 500cc e ho sentito che avremmo corso a Hawkstone Park: sapevo già che avrei fatto il salto. Ci ho pensato tutto l’anno, fino al giorno in cui siamo arrivati in pista nel weekend di gara. È stato un grande salto, ma sapevo che era possibile. Durante l’allenamento del sabato ad ogni giro ci pensavo, entravo davvero forte e mi mettevo a saltare, ma poi all’ultimo momento frenavo e non ci provavo. Quando mi sono avvicinato al salto nell’ultimo giro di prova mi sono fermato prima del salto; gli spettatori sapevano che volevo farlo e hanno iniziato ad applaudire, applaudire e gridare “Jobe, Jobe, Jobe”. Ho deciso che dovevo farlo, e l’ho fatto; la folla si è scatenata », ha rivelato il belga dopo il fine settimana.

Georges Jobe il salto
Il salto leggendario di Jobe ad Hawkstone Park.

«Domenica durante il riscaldamento Eric Geboers mi ha seguito durante il salto e anche lui ha provato a farlo, ma si è rotto una gamba. Mi sono schiantato in entrambe le gare all’inizio ma con quel salto ho superato così tanti piloti! Non ho vinto ma ho battuto il salto di Hawkstone Park e in particolare tutti si ricordano che mi sono imbattuto nel mio buon amico e rivale Andre Malherbe».

Anche Dave Thorpe, il vincitore del GP, ha avuto bei ricordi di questa gara e soprattutto del leggendario ostacolo, che non era mai stato inteso come un salto: «Se hai mai visto le foto di quella gara a Hawkstone c’erano solo migliaia di persone in quella parte della pista. Nessuno si aspettava che vincessi quel giorno, specialmente come Georges, Eric e André erano tutti bravi cavalieri della sabbia, ma l’ho fatto. Ho vinto, ma è stato il giorno dell’immagine iconica del doppio salto di Georges su André. Sono stato il più veloce in ogni sessione, ma non ho provato il doppio salto in gara. Quando sono tornato al paddock da ogni sessione, tutti parlavano di Georges che saltava il doppio e nella mia mente stavo pensando: “Devo saltare anche io”. Quindi quando sono arrivato all’ultimo giro di prova sono uscito e l’ho raddoppiato. A mia insaputa, Eric si era già rotto una gamba lì solo un minuto prima e, appena sono decollato, ho capito: “Non ho abbastanza velocità”. Ma ero tre secondi più veloce di chiunque altro in qualifica, quindi sapevo che avrei potuto vincere. E sapevo che chiunque vince a Hawkstone può vincere in qualsiasi parte del mondo perché la pista è molto impegnativa e molto approssimativa».

Dave Thorpe ha anche vinto gli ultimi due GP in Belgio e in Italia e l’anno successivo ha vinto il primo dei tre titoli mondiali. Georges Jobe, tragicamente scomparso dopo una malattia nel 2012, è culminato nella sua prima stagione nella classe 500cc con la medaglia d’argento della serie dopo aver registrato tre vittorie in GP e un totale di otto podi GP per Kawasaki, ma sarà sempre ricordato per quel grande salto a Hawkstone Park sulla sua KX500 durante il campionato del 1984.

Georges Jobe il salto
, , ,
Articoli simili
Latest Posts from Motoby