Takahisa Fujinami Honda Repsol Trial Championship

Questa settimana segna 25 anni dal debutto del pilota giapponese Repsol Honda Team Takahisa Fujinamii nel Trial World Championship, il pilota trial con il maggior numero di partecipazioni, ben 338. Fujinami è tra i molti sottoposti a blocco obbligatorio a causa del virus CoViD-19, anche se l’obbligo di restare a casa non gli ha impedito di mantenersi in forma e di ricordare come è iniziata la leggenda del “Fujigas”.

Takahisa Fujinami Honda Repsol Trial Championship

La prima gara internazionale trial di Takahisa Fujinamii si è svolta in Spagna, a Navacerrada, nella regione di Madrid, il 14 aprile 1996. In una trial congelante, che aveva visto la neve all’alba, il sedicenne Fujinami si è schierato con altri 37 partecipanti. Il nuovo arrivato ha terminato dopo due giorni di competizione, in diciannovesima posizione. In questa gara Marc Colomer ha rivendicato la vittoria, vincendo il suo unico titolo mondiale per Montesa alla fine dello stesso anno.

Quali ricordi hai del tuo debutto nel Trial World Championship?

La verità è che non ricordo molte cose, ma ricordo che ero lì, nel mio primo trial, che ila gente mi ha soprannominato Fujigas.

Com’è nato il soprannome Fujigas?

Sono arrivato a una sezione molto difficile che nessun pilota era riuscito a superare nel primo giro. Era molto ripido, quindi ho dato molto gas. Un sacco! Ma è stato di scarsa utilità dato che ho anche finito con un fiasco, ma gli spettatori hanno iniziato a chiedere: “Chi è quel ragazzo?” “Fujinami”, ho risposto e hanno detto: “Quello che sei è Fuji-gas!” Ecco da dove viene il soprannome…

Takahisa Fujinami Honda Repsol Trial Championship

È stata la tua prima prova tra i piloti d’élite…

Sì, Jordi Tarrés, Tommi Ahvala, Bosis, Colley, Lampkin, Colomer… Li avevo visti solo in video e lì ero in fila tra loro. È stato abbastanza emozionante per me e ho anche provato un po’ di paura sul palco di fronte a così tanti motociclisti professionisti.

Questo anno sarà la tua 25a stagione nel campionato mondiale trial. Non capita spesso di vedere una carriera sportiva così lunga!

Allora credo di essere stato l’unico ad averlo fatto, ma penso che molti altri tenteranno di battere lo stesso record. Il terzo posto dell’anno scorso è stato una sorpresa per molti, ma non tanto per me. Penso di essere ancora meglio quest’anno sia mentalmente che fisicamente. Venticinque alla fine è solo un numero. Mi sento benissimo e mi sento lo stesso anno dopo anno.

Come hai sottolineato, l’anno scorso sei arrivato terzo in uno straordinario finale di stagione. Lo consideri il tuo anno migliore, a parte quello del 2004?

Tre anni fa ho anche ottenuto il terzo posto nel campionato del mondo, dove penso di aver avuto un’ottima stagione, con una vittoria e diversi podi. L’anno scorso sono stato tra i primi cinque in assoluto e questo è stato molto importante per il risultato finale.

Takahisa Fujinami Honda Repsol Trial Championship

Il TrialGP World Championship quest’anno avrà un inizio modificato e il Giappone non sarà più la gara più importante di giugno.

Sì, è difficile per loro mettere insieme il calendario. Per me, dato che non ho gareggiato nel campionato indoor, sarà una lunga attesa! Le prime tre prove sono state rinviate e sarà un po’ difficile mentalmente. Pensare che tra due mesi il campionato del mondo non sarà nemmeno iniziato. Sarà difficile.

Tuttavia, negli ultimi tempi abbiamo visto un Fujigas molto attivo, allenarsi a casa. È questo il tuo modo di prepararti e combattere la pandemia di Coronavirus?

È quello che è. Tutti devono essere rinchiusi a casa. In casa cerco di fare più esercizio possibile: la cyclette, un po’ di fitness, ecc. Ho un allenatore che mi manda esercizi da fare a casa.

Quali esercizi fai per rimanere in forma?

Principalmente cardio sulla bici, ma anche alcuni TRX e pesi per il torace e le gambe.

Hai una palestra a casa?

Non è esattamente una palestra, ho la fortuna di avere delle attrezzature a casa, ma è molto difficile rimanere concentrati lavorando da soli. Mentalmente devi essere molto forte per allenarti così duramente da solo.

Hai tempo per preparare la moto?

Ho la moto di allenamento a casa, quindi mi sono divertito a giocarci su e fare alcune modifiche tecniche e provare a cambiare il motore… ma non sono stato davvero in grado di fare molto.

Prendersi cura della dieta è importante per un atleta. Le tue abitudini alimentari sono cambiate di recente?

Ogni giorno controllo il mio peso sulla bilancia e la verità è che ho perso un po’ di peso. Questo è normale, penso. Quindi non devo preoccuparmi troppo del cibo.

Speriamo di vedervi presto in azione. Qualche messaggio finale?

Sì, vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti gli operatori sanitari che in questi giorni si stanno sforzando così tanto di prendersi cura dei malati. Il mio rispetto per loro e vorrei anche esprimere le mie condoglianze alle famiglie e agli amici di persone che hanno perso i propri cari. Grazie.

, , , ,
Articoli simili
Latest Posts from Motoby